Usare GMail come HD virtuale…

… si puo’. Ci ha pensato per primo un certo Richard Jones, che ha creato lo script in Python per Linux, cui hanno fatto seguito le immancabili versioni per Windows e per MacOS X.
Un'icona tratta da TheIconFactory.comSi tratta fondamentalmente di uno script in tutti e tre i casi, e vi permette di usare una delle vostre caselle GMail (ammettetelo, non ne avete solo una! 😉 ) per depositarvi dei file con il semplice drag’n’drop, e magari condividerli con altri (che dovranno pero’ conoscere il nome utente e la passord di quella particolare casella, ovviamente). In sostanza lo script fa in modo che il file sia spedito come allegato all’indirizzo da voi specificato, mentre il recupero di quanto inviato avviene aprendo nel browser (sempre in automatico) la solita finestra di login di GMail. Il tocco finale consiste, ovviamente, nel creare un filtro in GMail che applica l’etichetta desiderata e archivia il messaggio con l’allegato in modo che non resti nella posta in arrivo.