PalmOne lancia il PDA LifeDrive

Hard disk da 4 GB, ma niente telefono
Un articolo su The Globe, fra i tanti, parla oggi del nuovo PDA di PalmOne. La novita’ di questo modello e’, fondamentalmente, un hard disk interno da circa 4 GB, che una volta collegato il palmare al computer via cavo USB diventa visibile come una vera e propria memoria di massa esterna su cui trascinare i file che vogliamo portare in giro. Leggendo bene il dettaglio delle caratteristiche sul sito in italiano di Palmone, scopriamo pero’ che, per fare un esempio, i file PDF devono essere convertiti prima di poterli leggere sul nuovo PDA. L’assenza di connessione telefonica, poi, in un prodotto da 549 euro non fara’ saltare di gioia i fans dei PDA connessi, anche perche’ costringe, come sappiamo, ad abbinare un eventuale cellulare Bluetooth al palmare (una soluzione ormai quasi obsoleta, viste le caratteristiche degli smartphone di ultima generazione). La domanda, a questo punto, sorge spontanea: abbiamo davvero bisogno di un hard disk da 4 GB dentro un palmare? Per carita’, le caratteristiche del nuovo LifeDrive (un nome che risale agli anni 80, quando un tecnico di Datel UK mi frego’ l’idea di un drive da 3,5″ utilizzabile su piu’ home computer grazie a diverse interfacce) sono di tutto rispetto, per un PDA, per esempio il display (320×480 a 65.000 colori) ruotabile in orizzontale, oppure lo slot per memory card, e tutto il software in dotazione, cosi’ come le connessioni wireless WiFi e BT. Chi non ha bisogno di uno smartphone, ma vuole semplicemente un buon dispositivo tascabile dove mettere dati di ogni genere da consultare/ascoltare/leggere anche in movimento, lo trovera’ interessante. Certo, la presenza di un hard disk pone la fatidica domanda… e l’autonomia delle batterie? Ai forum l’ardua sentenza…

QuickOffice corre ai ripari

Il logo di QuickOfficeForte della sua posizione preminente nel mondo Symbian, un sistema in rapida e costante espansione, QuickOffice e’ stata per lungo tempo l’applicazione incontrastata per la lettura, la creazione e la modifica dei documenti di Microsoft Office su molti modelli di smartphone prodotti da Nokia e Sony Ericsson.
Continua a leggere

Un PDA Palm con schermo pieghevole?

Il prototipo di PDA con display pieghevole
Su PalmAddict la notizia di un brevetto depositato negli USA da due ingegneri di Palm (Rich Gioscia e Francis Canova), nel quale viene descritto un PDA dallo schermo pieghevole (letteralmente “Computer palmare compatto con telefono wireless dotato di schermo pieghevole per display a doppia facciata”).

Wikipedia in versione PDA!

Il simulatore di WapediaCosa vuol dire “Che cos’e’ Wikipedia”? Ma e’ la piu’ estesa enciclopedia libera del Web, perdiana! Insomma, una vera e propria “Guida Galattica” disponibile in piu’ lingue (ovviamente la parte piu’ estesa e’ in inglese), dove da lettori si puo’ diventare autori per aggiungere, correggere o segnalare informazioni preziose a beneficio di tutti i navigatori della Rete.
Oggi questa fonte inesauribile di sapere e’ disponibile nel formato per PDA/smartphone, ma potete collaudarla anche da computer grazie al “simulatore” che vedete nella foto, disponibile sempre allo stesso indirizzo.
Cosa state aspettando a provarla? 🙂

Benvenuto, P910i

La confezione del P910i
Non e’ una notizia, ci mancherebbe: il P910i di Sony Ericsson e’ gia’ in vendita da un pezzo (ma vende ancora tantissimo).
Il benvenuto riguarda l’arrivo, con pacco celere consegnato da SDA, di un P910i nelle mie ansiose mani da tecnofilo. Intendiamoci, ho gia’ usato per diversi anni diversi PDA e smarpthone, compreso il ‘nonno’ (si fa per dire, l’ho venduto solo qualche giorno fa e faceva egregiamente il suo lavoro da un paio d’anni) del P910i, noto come P800 (e per un certo periodo ho usato anche il P900, papa’ del 910i).
Aprire la confezione di un P910i, quindi, non e’ stata una novita’ paragonabile a quella di un regalo sotto l’albero di Natale, ma l’emozione e la curiosita’ sono state in ogni caso notevoli, soprattutto perche’ conosco le potenzialita’ di questo PDA-phone da tempo.
Non sto qui ad elencarvene le caratteristiche (potete leggere delle complete recensioni su Web come quella di Tom’s Hardware Italia, oppure consultare semplicemente la scheda tecnica sul sito della stessa Sony Ericsson).
Piuttosto, dedichero’ al P910i (e ai suoi due predecessori, vista al compatibilita’) alcuni post che potreste trovare interessanti se siete dei felici utilizzatori di questo gioiello di tecnologia o intendente acquistarne uno.
Per esempio, sapete che potete usarlo per navigare su Web, chattare e usare la posta elettronica con un canone GPRS di 20 euro al mese, 24 ore su 24 (anche abbinandolo a un computer, ovviamente)? Oppure che potete controllare quasi tutte le funzioni del Macintosh direttamente dal suo display, come un telecomando universale capace di muovere persino il cursore sul monitor? Ma anche usarlo per ascoltare la vostra musica preferita, leggere e-book o guardare dei film. Senza contare che potete sincronizzare perfettamente contatti e appuntamenti fra computer e P910i, e portarli con voi insieme a immagini, documenti di Office, PDF e molto altro.
Avrete capito, insomma, che non si tratta di un cellulare, ne’ di un ‘semplice’ smartphone. Seguite il blog per scoprire tutta la verita’.

Un mini-tablet Linux da Nokia

Il nuovo 770 di Nokia, basato su LinuxSi chiama Nokia 770 Internet Tablet, ma non e’ ancora chiaro chi puo’ entusiasmarsi per il suo lancio. Un mini-tablet basato su Linux e dotato di connessione Wi-Fi e Bluteooth, con ben 7 giorni di autonomia in stand-by ma solo 3 ore per il browsing. Insomma, nessuna caratteristica telefonica, quindi richiede la presenza di un hot spot Wi-Fi o di un cellulare BT per l’uso primario cui e’ stato destinato: navigazione Web e posta elettronica.
Continua a leggere