La pirateria on-line è davvero dannosa?

Ah, se tutti i pirati fossero così :-pE’ il dubbio espresso nell’articolo di Alessandra Carboni, pubblicato sul Corriere un paio di giorni fa. Un articolo che torna a stuzzicare molti lettori, secondo il quale potrebbero esserci delle infondatezze nelle cifre fornite dalle major cinematografiche e discografiche a sostegno dei presunti danni che la diffusione di materiale protetto da copyright causa al mercato musicale e filmografico. Intendiamoci, non è la prima volta che se ne parla: un paio di mesi fa ci ha provato Antonio Dini su Macity, ispirandosi a un articolo di Ars Technica che risale addirittura a marzo di quest’anno.
A dire il vero questo dubbio ce l’avevamo già in molti, visto che bene o male tutti acquistiamo DVD e CD originali anche se può capitare di scaricare un film o un brano musicale da Internet, così come acquistavamo dischi di vinile e musicassette oppure film in VHS quando registravamo le canzoni dalla radio o i film dalla TV con il videoregistratore.
Allora, però, nessuno gridava allo scandalo e si ricopriva il capo di cenere, il mercato era florido, tutti erano felici.
Qualcuno ha fatto un po’ di calcoli per analizzare la crescita nella produzione di titoli lungo gli anni? Forse il portafogli dei consumatori si espande allo stesso ritmo della produzione cinematografica e musicale (dove l’aumento di quantità è inversamente proporzionale a quello della qualità, tra l’altro)? Oppure qualcun altro ha analizzato il rapporto fra aumento della disponibilità di film sui canali satellitari e diminuzione del noleggio video o dell’acquisto di DVD?
Continua a leggere

Se non ci fosse Internet (e il P2P)

Il leggendario album dei The AnimalsLa musica distribuita via Internet è una gran cosa, e ovviamente non parlo solo della distribuzione ‘legale’. Ieri, per esempio, mi è venuta voglia di riascoltare il nuovo brano cantato dagli U2 insieme ai Green Day, The Saints Are Coming, che come (quasi) tutti sanno è un remake dell’omonima canzone del gruppo punk scozzese degli Skidz, riproposta per raccogliere fondi e aiutare Music Rising, la fondazione messa su dal costruttore di chitarre Gibson e da The Edge e Bob Ezrin per contribuire alla ricostruzione del cuore ‘musicale’ di New Orleans dopo l’uragano Katrina. Continua a leggere

Una spremuta di musica… gratis!

Il logo di VitaminicStamattina ho fatto un salto sul sito di Vitaminic, che non guardavo praticamente da anni, e in particolare nella sezione dedicata alla musica italiana. Cio’ mi ha permesso di scaricare (gratuitamente) un brano che probabilmente ricorderete un po’ tutti, perche’ faceva da colonna sonora alla pubblicita’ della nuova Fiat 500. Si tratta della canzone di Eugenio Finardi, intitolata “Cinquecento sogni”.
Per chi non conosce Vitaminic, una breve spiegazione: e’ un circuito internazionale on-line che permette ai musicisti di pubblicare su Web la propria musica e renderla disponibile in forma promozionale, inserendo informazioni personali e tentando, perche’ no, anche di vendere le proprie opere.
Trovandomi a curiosare fra i contenuti, ne ho approfittato per controllare che fosse ancora presente l’area del mio caro amico compositore e pianista Corrado Greco, di cui potete scaricare e ascoltare alcune splendide esecuzioni (fra cui la ‘Rapsodia in blu’ di Gershwin).

La banda larga sta stretta a qualcuno?

Leggo su AGI News che si è registrato un vero e proprio picco nelle vendite legali di musica su Internet: la crescita di questo mercato ha superato quella dello scambio illegale (alias P2P o file sharing che dir si voglia). Leggo, anche, come la lentezza nella diffusione della banda larga costituisca un vergognoso e inspiegabile freno per un mercato che, al pari di altri, sfama molta gente. Nello stesso articolo, però, leggo nuovamente di affermazioni secondo cui l’imposizione di ‘filtri’ ai fornitori d’accesso a Internet può rappresentare una misura di contrasto alla diffusione illegale di musica e altri contenuti multimediali. Insomma, siamo punto e accapo, e ancora oggi non si riesce a capire come lo scambio di musica, film e qualsiasi altra opera d’ingegno non passa necessariamente via Internet e non è la vera limitazione all’acquisto regolare e ‘legale’ di tali prodotti. Il vero ostacolo è il costo, la vera cura è il ridimensionamento dei prezzi. Altrimenti non si spiegherebbe come la vendita di musica on-line sia in crescita esponenziale mentre quella sui supporti tradizionali soffre ancora della solita crisi. Del resto, per far crescere il mercato con Internet ci vuole poco, e c’è da guadagnare per tutti, come rivela Maurizio Ricci nel suo interessante e ampio articolo su Repubblica.it.
Ci vuole tanto a capire? Continua a leggere

Una ‘Cura’ per l’Anima

Un bellissimo ritratto del grande BattiatoQuesto e’ il mio primo ‘post’ musicale, e non potrei iniziare meglio di cosi’, visto che ho deciso di dedicarlo al grande Franco Battiato, e in particolare a un suo brano che avra’ sicuramente toccato l’animo di molti: La Cura.
Sul significato del testo di questa canzone sono stati espressi molti pareri, ma credo che una delle analisi migliori sia quella di Alberto Truffi su Musica e Memoria, che sullo stesso sito analizza altrettanto profondamente anche brani meno recenti ma ugualmente significativi. Come accade con tutti i capolavori del ‘maestro’, infatti, si puo’ tentare di decifrarne i molteplici significati solo conoscendo la sua produzione musicale passata. E si puo’ assaporare solo ascoltandola col cuore e la mente, oltre che con l’orecchio. Se volete scoprire altro sul grande Battiato, infine, sappiate che anche su Wikipedia c’e’ un’area dedicata al grande musicista catanese.

Andante con brio

corrado con un suo collega musicista in uno dei concertiColgo l’occasione per pubblicizzare spudoratamente ‘Pianissimo’, il nuovo sito-blog del caro amico Corrado Greco, che avevo gia’ avuto occasione di menzionare in un post dedicato a Vitaminic.
Lo faccio per il semplice motivo che ho potuto seguire, nelle ultime settimane, la sua appassionata adozione di WordPress, che gli ha permesso di trasformare il suo vecchio sito ‘statico’ in qualcosa di mutevole e sempre piu’ interessante. Corrado ha fatto uso di alcuni dei plug-in che io stesso avevo adottato per questo blog, aggiungendone altri per quelle funzioni che di volta in volta ha ritenuto di ‘implementare’ nel suo sito. Non mi resta che inserirlo nei link e invitarvi a visitarlo!