On Air

Ebbene si’, finalmente on-line con il mio blog (grazie a WordPress).
Nonostante la mia ultraventennale esperienza con l’informatica e Internet, trovo ancora oggi emozionante un’operazione come quella di creare un blog personalizzato. Di quelli, per intenderci, che richiedono un server con php ed sql, impostazioni degli stessi, upload di cartelle e file, attivazione e configurazione manuale.
Avevo scelto, come soluzione temporanea per sfuggire a tutto questo, il blog automatizzato di TypePad, che per quanto soddisfacente ha un suo costo di mantenimento e, soprattutto, impone le ovvie limitazioni tipiche di questi blog-system preconfezionati.
Che dire? Non resta che sperimentare e, soprattutto, pubblicare. Grazie, WordPress!

Jack

Arriva MobTech!

Un articolo sul nuovo MobTech

Ho finalmente concluso il ‘trasloco’ dal blog che gestivo su TypePad passandolo su un sito vero e proprio e servendomi, ovviamente, di WordPress come CMS per il nuovo blog, che si chiama ancora MobTech ma risiede, ora, su www.mobtech.it.
L’esportazione e successiva impostazione si sono rivelate meno complesse di quanto pensavo, anche grazie alle complete informazioni offerte nella documentazione ufficiale di WordPress e alla possibilita’ di esportare dal formato di MovableType (il motore di TypePad) tutti i post, completi di commenti e link alle immagini. Riguardo a queste ultime, ho dovuto ovviamente modificarne link e collocazione, trasportandole sul server del nuovo sito, altrimenti le avrei perse nel momento in cui annullavo l’abbonamento a TypePad.
A questo punto i post affini agli argomenti del nuovo sito saranno spostati da questo blog e pubblicati sul nuovo sito MobTech.it, quindi siete invitati a consultarlo (e abbiate pazienza se e’ ancora un po’ ‘under construction’).

Caffe’ e… PHP

Ah, una bella tazzina di caffe' fa sempre bene!A volte i cambiamenti che un autore applica al suo blog non sono visibili ‘in superficie’, soprattutto quando si tratta di migliorie funzionali al meccanismo di editing e pubblicazione. E’ il caso del nuovo plug-in che sto per adottare nella preparazione di questo blog: si chiama ‘Text replace’ ed e’ l’equivalente di quelle che in gergo informatico vengono chiamate ‘macro’, ovvero sistemi per automatizzare determinate operazioni. Anzi, piu’ precisamente somiglia moltissimo al meccanismo di sostituzione automatica del testo che troviamo in Microsoft Word, e che aiuta a digitare parole o frasi di uso frequente associandole a una breve sequenza di caratteri, che una volta digitati sono automaticamente ‘tradotti’ nella parola o frase scelta.
Continua a leggere

Apple e il PodCasting

L'iPod di AppleNeanche a farlo apposta, tanto tuono’ che piovve: se visitate il sito di Apple in questi giorni scoprirete quanto e’ diventato importante il fenomeno del ‘podcasting’ e capirete finalmente (soprattutto se installate il nuovo iTunes sul vostro PC o Mac) come Internet puo’ cambiare il fenomeno della radio, e non dite che non vi avevo avvertito 😉

Un altro CMS per i blog

Mi sono imbattuto in Drupal, un altro CMS open source usato da un crescente numero di bloggers di tutto il mondo (esiste anche la traduzione italiana). In effetti, questi sistemi si somigliano un po’ tutti: anche Drupal ha i suoi temi, e i suoi plug-in (che si chiamano ‘moduli‘).
Non lasciatevi ingannare, pero’, dalla presenza di qualche particolare estensione offerta da Drupal pensando che non esiste in WordPress. Si tratta di soluzioni open source, quindi seguite e migliorate costantenemente da dozzine di programmatori, che oltre a garantirne l’evoluzione danno vita a nuove estensioni funzionali ed estetiche.
Un esempio particolare? Il modulo Chatbox di Drupal. Anche WordPress ne possiede uno, ovviamente.
E se, malauguratamente, vi rendete conto che non esiste una funzione da voi desiderata, tenete semplicemente d’occhio lo sviluppo dei plug-in, e vedrete che prima o poi qualcuno ci pensera’, creandola.
Inoltre, vi conviene sempre puntare sul ‘cavallo vincente’, e visto il successo che WordPress sta ottenendo persino nei confronti di una soluzione popolare come MovableType (che, non dimentichiamolo, e’ diventata un prodotto commerciale, quindi privato e a pagamento), c’e’ da aspettarsi molto in quanto a sviluppi futuri.

Viva il podcasting italiano!

Il logo di Notizie DigitaliE’ ormai da un paio di mesi che ascolto regolarmente (soprattutto in auto) il podcast ‘Notizie Digitali’, realizzato dal simpaticissimo Valerio Di Giampietro e abbinato al suo sito/blog AudioCast.it. Valerio e’ un mio coetaneo, e ha la stessa passione per l’informatica, la tecnologia e Internet, che traspare chiaramente dal modo in cui affronta le notizie (tutte interessanti e aggiornate) pubblicate ‘quasi settimanalmente’ sul blog e raccontate nel podcast. Se ancora non avete fatto l’esperienza del podcast, Notizie Digitali e’ sicuramente un’ottima occasione per cominciare!