Finalmente le immagini!

Avrete notato che ho inserito il primo post corredato da immagine, ma sappiate che non e’ stato grazie alla gestione “di serie” delle immagini su WordPress, che personalmente ho imparato a odiare dopo alcuni tentativi di utilizzo (forse sbaglio io, ma… continuate a leggere).
Se qualcuno ha provveduto a creare (che Dio lo benedica!) dei plug-in che permettono di gestire le immagini in maniera alternativa, un motivo ci sara’.. infatti devo ringraziare malyfred, un programmatore della Repubblica Ceca, e il suo plug-in iimage browser (da non confondere con Image Browser) se ora ho una possibilita’ concreta di inserire immagini nei post senza dare di matto (a parte la lentezza nella creazione delle miniature e delle anteprime, ma forse e’ perche’ uso una “misera” ISDN 64k). Se vi state cimentando con WordPress, e volete inserire delle immagini, quindi, ve lo consiglio caldamente!

Blog, WordPress e… suicidi

Avevo letto ieri, su ANSA.it, un breve articolo su un ragazzo (un informatico lombardo di 26 anni) che si e’ tolto la vita dopo aver dedicato a questa sua decisione un blog (realizzato con WordPress), dal titolo ‘primadipartire’. Dopo un po’ di ricerche, ho visto che al momento l’articolo piu’ completo e serio sulla vicenda e’ stato pubblicato sul Corriere della Sera on-line. Intanto, sul blog di Ciro Eugenio Milani (questo il nome del giovane) continuano i commenti dei visitatori e ci sono anche dei ‘post’ automatici che Ciro aveva programmato (WordPress, come altri sistemi di blog, consente anche questo). Anche se puo’ sembrare strano che si parli di questi argomenti in un blog, non dobbiamo dimenticare che anche Cesare Pavese, a suo tempo, dedico’ il suo libro ‘Il mestiere di vivere’ alle riflessioni che precedettero il suo suicidio. Del resto, i blog sono un mezzo per pubblicare (rendere pubblici) i propri pensieri, idee e opinioni. Da parte mia, nessun giudizio, nessun commento, solo tanto rammarico per una giovane vita che si spegne, per una persona che non c’e’ piu’ e che forse avrebbe potuto significare qualcosa per qualcuno, un giorno. Certo e’ che dalla vicenda si possono trarre molti spunti di riflessione e discussione, per chi vorra’ farlo, e probabilmente lo spazio dei commenti di ‘primadipartire’ sara’ uno degli spazi più affollati in questo senso. In ogni caso, un primo articolo di seria riflessione e’ stato pubblicato proprio oggi da Punto Informatico.

A volte ritornano

La copertina del primo ExplorerOgni tanto mi capita, come oggi, di trovare in mailbox un messaggio di qualche giocatore delle mie vecchie avventure pubblicate in edicola nelle collane Explorer e Viking, che ovviamente mi fa i complimenti ‘in differita’ e, incredibile ma vero, a volte mi chiede un aiuto su uno dei giochi.
Non che su Web sia tanto difficile imbattersi in una di queste storie interattive, visto che oltre al Progetto Lazzaro (ancora in costruzione ma ricco di materiale), e’ possibile trovarle persino su Planet Emulation, un sito francese dedicato all’emulazione, e su un sito ungherese che raccoglie vecchi giochi di vario genere. Le singole avventure sono state pubblicate anche su Planet Emulation, il famoso sito francese.
Leggi tutto

Dov’e’ ospitato questo blog?

Piccolo spazio pubblicita’, come cantava il Blasco. Se vi state chiedendo su quale server e’ ospitato questo blog e perche’, sappiate che si tratta di un hosting di TopHost, il provider italiano probabilmente piu’ competitivo (al momento) sia per quanto riguarda i prezzi, sia per la flessibilita’ e semplicita’ di gestione di tutte le funzioni tipiche di un dominio/hosting (spazio, php, sql, reindirizzamento, caselle di posta, ecc.). Visto che il dominio utilizzato per il blog (www.jackventura.com) e’ stato ottenuto con un “codice invito” che TopHost ha offerto su Punto Informatico come inziativa promozionale, non mi resta che ricambiare il regalo inserendo un “bollino” fisso all’interno di questo blog. Grazie, TopHost! 🙂

MAD – 50 anni di fumetto in un DVD

La confezione dello splendido Absolutely MAD

Chi segue il mio blog sa che sono un fanatico di MAD, il fumetto demenziale più famoso del mondo, quindi figuratevi se potevo fare a meno di notare la stupenda raccolta in DVD disponibile su Amazon USA, che contiene oltre cinquant’anni di pubblicazioni in formato PDF a un prezzo ridicolo di circa 40 dollari! In effetti non è la prima volta che i numeri di MAD vengono pubblicati in formato digitale, infatti una raccolta su CD era già disponibile da tempo su Amazon, in un formato più multimediale e interattivo anziché in PDF, ma compatibile solo con Windows per la consultazione e, naturalmente, meno completa in fatto di annate. Leggi tutto

Ya-hooting

They say owl’s hoot is a bad sign, especially when repeated three timesOwl’s hoot is often seen (shoud we say ‘heard’?) as a sign of bad luck, but I hope this post won’t count as one of those, at least for Yahoo! and the aura surrounding the popular search engine (and portal) at the moment. After some heartbeating news about the Microsoft bid, the following Google comments and Yahoo!’s refuse, the talking now involves the media mogul itself, Mr Murdoch (read a summary of the chronicles on the Web edition of ‘british’ Telegraph to keep up to date). Talking about misfortune, anyway, the sad news seem to involve, instead, the Yahoo! Design Innovation Team as a whole, who’s been fired (as reported on Portfolio.com). Let’s ask, now, why on heart the company didn’t hold on and just wait before deciding for such a bad move considering the delicate moment they’re going through right now.