Lavorare all'estero

Emigranti che aspettano di partire con le loro valige di cartoneIn un precedente post intitolato ‘Lavorare: come, quanto, perché‘ mi ponevo, appunto, queste tre domande riflettendo sul valore della persona e del suo tempo investito in attività lavorative. Dimenticavo, tuttavia, di aggiungere ‘dove’, e ci ho pensato imbattendomi in uno stupendo post di un blog che non conoscevo e che ho scoperto con piacere.
Leggi tutto “Lavorare all'estero”